Saucony Zalando

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Saucony Zalando. FINO AL 60% DI SCONTO!

Le volpi del deserto sono pronte ad affrontare il caldo umido del Brasile con le nuove maglie di Puma, realizzate all’insegna della saucony zalando semplicità, Per l’Algeria una divisa bianca con inserti verdi in casa, mentre in trasferta il completo sarà esattamente colorato all’inverso, Le maglie del Belgio segnano l’esordio di Burrda in un campionato del mondo, Il marchio svizzero-qatariota ha disegnato tre modelli in rosso, nero e giallo con la corona del Re dei Belgi a fare da sfondo..

Il matrimonio tra Burrda e il Belgio pare sia destinato a terminare al termine dei mondiali, alcune indiscrezioni parlano infatti di un accordo con adidas, I colori del Tae-Geuk sono stati scelti da Nike per le maglie della Corea del Sud, Kit home rosso con il blu che cinge le maniche e un colletto alla coreana quanto mai azzeccato, Kit away in bianco con la fascia saucony zalando intorno alle maniche rossa a destra e blu a sinistra, La temibile Russia allenata da Fabio Capello si ispira alla tradizione spaziale per entrambi i kit firmati adidas, Nella prima maglia un’evidente serigrafia riprende il monumento ai cosmonauti situato a Mosca, mentre la seconda è un omaggio a Yuri Gargarin con il profilo della Terra visto dallo spazio..

SPONSOR TECNICI I tre marchi leader del saucony zalando calcio mondiale dominano incontrastati, Nike batte tutti con 10 federazioni sponsorizzate, seguita a ruota da adidas con 9 e Puma con 8, Una squadra a testa per Marathon, Joma, Burrda, Uhlsport e la trevigiana Lotto che sarà l’unico brand a rappresentare l’Italia, SCARPE Nike, Puma e adidas sono in prima fila anche con una serie di scarpini lanciati appositamente per la massima rassegna mondiale, Ha destato scalpore la collezione Tricks di Puma che comprende i modelli evoPower ed evoSpeed in versione bicolore: rosa la scarpa destra, blu la sinistra, Li vedremo ai piedi di Buffon, Balotelli, Aguero, Fabregas, Yaya Tourè, Godin, Verratti..

La risposta di adidas è avvenuta con il Battle Pack, in controtendenza con i colori variopinti del Brasile. Le celebri F50, Predator LZ, 11pro e Nitrocharge sono colorate di bianco e nero con le tre strisce arancioni. I testimonial principali sono De Rossi, Messi, Van Persie, Robben, Ozil e Di Maria. Infine Nike, la più rivoluzionaria con le scarpe Magista e le SuperFly accomunate dalla tomaia in Flyknit e dal collare alto nelle versioni top di gamma. Anche qui non mancano i grandi nomi: Cristiano Ronaldo, Iniesta, Neymar, Pirlo, Rooney, Thiago Silva e Gotze.

PALLONE È firmato sempre adidas il pallone ufficiale della Coppa del Mondo, Per l’edizione 2014 si chiama Brazuca, un nome scelto dal popolo brasiliano attraverso un sondaggio, I colori si ispirano ai famosi braccialetti portafortuna, mentre per la finale saucony zalando del 13 luglio ci sarà una variante grafica con le tonalità del trofeo disegnato dall’italiano Silvio Gazzaniga, REGOLE FIFA Rispetto al mondiale sudafricano abbiamo assistito ad un profondo cambiamento per alcune divise storiche..

Via i pantaloncini neri per Argentina e Germania, espulsi i calzoncini blu ed i calzettoni rossi della Colombia, squalifica anche per il blu della Spagna. In molti hanno cercato le colpe nel regolamento Fifa, ma questo non è stato modificato negli ultimi quattro anni. Come in Sudafrica anche nel regolamento di Brasile 2014 al capitolo “Equipment” leggiamo: Non si parla mai di monocolore o di kit interamente chiari o scuri. In parole povere la Germania in bianco-nero-bianco rispetterebbe il regolamento e difatti nel 2010 non abbiamo memoria di match con abbinamenti diversi. Non sarà ufficiale, ma la tendenza è quella di uniformare il più possibile i completi, in barba ad ogni tradizione.

Resta il dubbio su quali siano i colori chiari e quali quelli scuri, Pare che la Fifa abbia obbligato la Spagna, il Camerun e la Costa d’Avorio a portare un kit bianco oltre ai due ufficiali, le formazioni africane l’hanno già utilizzato in amichevole, Tanta saucony zalando tanta carne al fuoco insomma, non poteva essere altrimenti per una competizione che regalerà gioie e delusioni a milioni di persone, Noi siamo pronti, la maglia azzurra è già sulle nostre spalle, l’adrenalina è ai massimi livelli, Che lo spettacolo abbia inizio!.

Per un professionista non c’è cosa peggiore di dover saltare una competizione come il Mondiale, sapendo di lasciare i propri compagni di saucony zalando Nazionale senza il loro uomo simbolo o comunque senza un elemento fondamentale per il proseguo del torneo, Saranno proprio questi i calcoli che saranno costretti a fare molti dei campioni che si sono dovuti far rimborsare il biglietto per il Brasile, La lista è talmente ampia che noi di Scarpini.it abbiamo voluto “sdrammatizzare” creando un ipotetico 11 di malcapitati:.



Recent Posts