Nike Pegasus 35

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Nike Pegasus 35. FINO AL 60% DI SCONTO!

Forse, e sottolineo forse, se anche il Napoli avesse prodotto una divisa in camouflage che nike pegasus 35 riprendeva i colori sociali non sarebbe stato oggetto di polemiche, Ma forse non avrebbe neanche avuto un riscontro così forte e deciso sul mercato, Forse sono due facce della stessa medaglia che non si potranno mai guardare, Forse non lo sapremo mai, E forse a me è venuta voglia di Softair..

Il font di Anna Vives alla conquista del mondo! Non si fermano le iniziative che coinvolgono il lavoro della giovane ragazza catalana, resa famosa dal Barcellona e da Jorge Lorenzo, Dopo aver firmato le maglie di Iniesta e compagni nell’ultimo trofeo Gamper, il carattere creato dalla Vives nike pegasus 35 sarà utilizzato anche sulle divise del River Plate, Il club argentino lo porterà in occasione della sfida di andata dei quarti di finale della Copa Sudamericana, che li vedrà opposti ai connazionali del Lanùs il 6 Novembre..

In un panorama calcistico sempre più dominato dai grandi club e dai soliti nomi, diventa ancor più interessante addentrarsi nelle serie inferiori per portare alla ribalta piccole e sconosciute realtà di provincia; compagini che con tenacia e perseveranza, lontano dai riflettori, portano avanti il loro nike pegasus 35 onesto cammino, talvolta con risultati sorprendenti agli occhi dei più, Si tratta forse dell’ultimo baluardo di quell’idea romantica del calcio che fu agli albori della disciplina; un modo d’intendere lo sport molto lontano dalle attuali e preponderanti logiche commerciali, dove si è quasi disinteressati all’eventuale ritorno economico e pubblicitario, e da cui invece traspare una sorta di moderno mecenatismo volto unicamente al puro piacere del gioco..

In questo senso, la stagione 2013-2014 ci offre l’ultimo degli esempi che la storia del calcio italiano ha saputo sfornare, ovvero la matricola Castel Rigone. Un borgo da record Cronologicamente, parliamo della nona formazione dell’Umbria approdata nel professionismo, ma non risiede certo in questo la sua unicità: la promozione della squadra in Seconda Divisione, maturata al termine dello scorso torneo di Serie D, ha fatto dell’omonimo borgo la più piccola realtà italiana a poter vantare un club nei campionati professionistici.

– La società biancoblu è infatti emanazione di una misconosciuta frazione di Passignano sul Trasimeno, in provincia di Perugia, che conta all’anagrafe appena 406 abitanti, L’ exploit sportivo appare ancor nike pegasus 35 più rilevante, se consideriamo che il Castel Rigone ha dietro di sé una storia che si dipana in soli tre lustri: fondato nel 1998, nell’arco di quindici anni ha scalato l’intera piramide dilettantistica regionale e nazionale, fino a giungere quest’anno all’agognato traguardo del professionismo..

– Detto ciò, non saremmo onesti se in tutto ciò tralasciassimo di citare Brunello Cucinelli, il re del cashmere che alla fine del secolo scorso fu tra i fautori (assieme ad alcuni amici d’infanzia) della compagine calcistica del suo paese natale, e che in questi anni, in veste di presidente, non ha mai fatto mancare il suo appoggio – anche economico – alla squadra. Come accennato in precedenza, l’operato dell’imprenditore nel Castel Rigone è però maggiormente assimilabile ad un’azione di mecenatismo: poco incline alla filosofia milionaria dei tanti Paperon de’ Paperoni che vanno oggi per la maggiore nel pallone, ma viceversa più incentrata sulla sobrietà e sui valori del passato.

A questi dettami fa da ambasciatore l’ immagine con cui nike pegasus 35 il club biancoblu si presenta, riassunta nello stemma societario e, soprattutto, nelle divise che i giocatori vestono in campo; entrambi gli elementi sono stati curati seguendo le indicazioni di Cucinelli, che ha improntato il tutto alla semplicità già propria del suo percorso nell’abbigliamento, Tradizione e semplicità L’elegante e monocromatico stemma del club si limita a riproporre la tradizione medievale dell’antico borgo d’origine; dalle casacche da gioco traspare altresì un assoluto senso di pulizia, un basso profilo che a taluni potrà forse sembrare fin troppo eccessivo..

La divisa casalinga del Castel Rigone, nike pegasus 35 marchiata adidas, è infatti riassumibile in poche parole: una maglietta bianca, con un classico colletto pure lindo; le uniche note di colore sono rappresentate dallo stemma, posizionato canonicamente sopra al cuore, e dalle stripes blu navy dell’azienda tedesca che corrono lungo le maniche, Il resto della muta non propone deroghe a questo schema, perseverando nel total-white, Anche la seconda divisa non mostra particolari guizzi creativi: essa si limita infatti a riproporre un mero negativo della prima casacca, quindi col blu navy a farla da padrone..



Recent Posts