Adidas Iniki

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Adidas Iniki. FINO AL 60% DI SCONTO!

L’amichevole contro il Danubio ha battezzato le nuove maglie del Gremio 2016 firmate Umbro, al suo adidas iniki secondo anno di sponsorizzazione del club brasiliano, I calciatori hanno disputato la partita indossando entrambe le divise, quella casalinga nel primo tempo e quella da trasferta nella ripresa, Ciò ha costretto anche gli avversari a cambiare casacca, davvero curioso e inusuale, Ispirata dalla tradizione, la prima maglia tricolore è a strisce nere e azzurre, con il bianco a separarle, Le righe proseguono sulle maniche, chiuse da un orlo bianco, e sul retro, Particolare il colletto, a ‘V’ con un tassello bianco al centro..

Sul petto compaiono il logo di Umbro a destra e lo stemma del Gremio sul cuore, più in basso invece c’è il main sponsor Banrisul, Nella casacca away il bianco diventa il colore principale, arricchito da una doppia banda nerazzurra che scorre solo sulla parte frontale, Il colletto, sempre bicromatico e a forma di ‘V’, presenta adidas iniki i lembi sovrapposti, La cura dei dettagli, come d’abitudine di Umbro, è sempre degna di nota, In entrambe le maglie l’interno del colletto presenta una fascia tergisudore con il diamante del brand di Manchester e il nome del club di Porto Alegre; la trama è decorata dallo stemma societario ripetuto più volte; in basso è cucita una targhetta che identifica il prodotto ufficiale..

Due le versioni in vendita nello store ufficiale, la FAN riservata ai tifosi e la GAME con le medesime caratteristiche di quelle indossate in campo dai calciatori, Cosa ne pensate delle proposte di Umbro per la stagione 2016 del adidas iniki Grêmio Foot-Ball Porto Alegrense?.

L’occasione era davvero troppo ghiotta per riprendere in mano prodotti e temi di un’altra epoca ormai, di un tipo di calcio che oggi non abbiamo più (nel bene e nel male) l’opportunità di vedere, ma del quale possiamo bearci ogni qual volta vogliamo. Ed oggi era veramente facile tornare a quel giorno, il 25 gennaio 1995, Crystal Palace contro Manchester United, il resto è storia nota. Partiamo però da più lontano, si perchè la storia merita davvero di essere assaporata e descritta in maniera più dettagliata; la stagione era la 1994-95 in Premier League, al tempo non vigeva ancora un’egemonia così marcata o comunque i club meno titolati e con meno soldi a disposizione si giocavano le loro carte e sia in Inghilterra che in Europa, i nomi Aston Villa, Blackburn Rovers, Chelsea (no, non era quello di oggi) erano considerate le mine vaganti.

Proprio il Blackburn quell’anno, complice uno strepitoso Alan Shearer, bomber pagato a peso d’oro dal Newcastle United l’estate successiva (a proposito, i fan di Scudetto, oggi Championship adidas iniki Manager, non possono non ricordarsi le ore passate a cercare di acquistarlo e metterlo in coppia con Rizzitelli del Torino), contendeva il campionato al favorito Manchester United di Cantona e di un allenatore che avrebbe passato qualche stagione su quella panchina, Sir Alex Ferguson, Lo United giocava un’importante partita fuori casa, contro una squadretta abbastanza abbordabile, il Crystal Palace..

Che la partita avesse un sapore “maschio” al tempo, non era certo qualcosa di strano, figurarsi poi in Premier; Cantona però era marcato da tale Richard Shaw, il classico difensore non “grosso”, ma arcigno. Il francese (un classico) era solito lamentarsi, anche troppo, la combinò: secondo tempo, calcione a Shaw e sotto la doccia. Cantona ci mise molto ad uscire dal campo, Ferguson non se lo filò particolarmente, ma quel giorno (come poi raccontò lui stesso) tutto quello che aveva sopportato per anni, frasi che fino a quel momento erano ordinaria amministrazione, non lo furono più. Forse Balotelli oggi non è veramente niente a confronto di elementi davvero di un altro pianeta come Eric, chiedere a Matthew Simmons, al tempo 20enne, che non si è mai ripreso dal calcione (e cazzotto, forse…) preso da “mr. colletto alzato”.

Noi però non ci fermeremo all’accaduto, no, Perchè le maglie di quel giorno meritano una citazione assolutamente particolare, anzi le maglie di quella stagione, La divisa nera indossata dallo United contro gli Eagles era interamente nera, marchiata Umbro (lacrimoni, che maglie….) con lo scollo a V sovrapposto, colletto rigido ripiegabile (grazie Eric) e i bordini blu filo manica, Il motivo poi, adidas iniki a strisce solo “percepite” era un vero spettacolo, ammirato nelle stagioni dal 1993 al 1995..

La prima divisa invece è praticamente indimenticabile, percorse le stagioni 1994-96 con lo stadio impresso nella trama della maglia, la struttura di colletto sempre in linea con tutta la collezione, Uno di quei prodotti che difficilmente è mancato negli armadi di chi ha amato le maglie d’oltremanica di quel periodo (e poi parliamoci chiaro, almeno una volta il gusto di tirarsi su il colletto e dire “Au Revoir” ce lo siamo tolti tutti…), Non potevamo di certo tralasciare gli scarpini utilizzati da Cantona, Nike Tiempo Premier 1994, uno dei prodotti Nike Football più incredibili a livello di pellame e calzata che sia mai stato realizzato nel segmento “tocco”, adidas iniki Di certo, la cosa che guardando le scarpe Nike Tiempo di oggi salta incredibilmente all’occhio, è che già nel 1994 lo scarpino Nike per il calcio aveva un look assolutamente “avanti”, capace di catturare ancora oggi tanti, tantissimi appassionati che si sono dati all’innovazione ed ai materiali innovativi, oltre che a prodotti di un’estetica totalmente opposta..



Recent Posts